logo Buildlab.com

La Voce del Ponte

pagina 1 di 1 [ printer friendly stampa ... ]

Il ponte racconta la sua storia

Un immaginario percorso tra storia e leggenda ripercorre alcuni capitoli delle vicende locali, dove affascinanti personaggi/simulacro emergono come ombre dalla notte dei tempi.
Dal passato più lontano all'oggi in un itinerario che sale dal piano terreno fino al "Salone delle ghise" nel suggestivo spazio del Lanificio Alfredo Pria.

Patrizia Manna ha identificato cinque momenti particolarmente significativi, alcuni avvolti nel fascino misterioso della leggenda, altri documentati dalle fonti, che hanno segnato la vicenda del ponte; cinque momenti resi attraverso voci, suoni, musiche, rielaborazioni fotografiche e magiche installazioni nelle quali personaggi reali e verosimili raccontano la loro storia fino alla personificazione del ponte che da muto testimone si fa attore protagonista.

1150

Le signore del ponte

Le suore del convento e la loro badessa rievocano la costruzione della chiesetta dedicata a Santa Maria Maddalena e dell'annesso convento abbarbicati sulla riva del torrente in prossimità del ponte che dalla santa prende il nome. Non solo un luogo di preghiera, ma anche una fonte di sostentamento grazie alle gabelle richieste ai viandanti per l'attraversamento.

1307

L'esecuzione

Fra Dolcino ripercorre la propria esistenza fatta di peregrinazioni per valli e monti; rievoca la sua predicazione osteggiata dal pontefice, fino all'incontro con la "bella Margherita", per la quale scoppia la scintilla dell'amore; rivive, infine, l'uccisione della compagna arsa viva sull'isolotto al centro del torrente Cervo, monito per gli eretici seguaci del frate.

1478

L'impiccagione

Non meno cruento è un altro momento della storia locale quando scoppia una rivolta contro i privilegi mercantili della città e tre capi, provenienti dal vicino borgo di Andorno, sono condannati a morte. L'uso del dialetto rievoca l'ambiente popolare, la lotta degli umili contro i signori locali.

1824

La concessione reale

Fugate ormai le nebbie della leggenda, entriamo nella vicenda storica con il francese Louis Boussù, proveniente da Vienne, presso Lione, che identifica nel sito che si affaccia sul torrente Cervo il luogo ideale per la costruzione di un lanificio e ottiene dal sovrano i permessi necessari. Prossima è ormai la meccanizzazione dei telai e quell'acqua impetuosa costituisce una forza indispensabile per azionari i macchinari.
Questa postazione costituisce l'avvio della storia più recente del Lanificio, che progressivamente si amplia su entrambe le rive.

Il ponte

L'ultima postazione vede il ponte diretto protagonista; è lui che racconta la propria storia, dalla nascita al drammatico crollo del 5 giugno 2002.
Quelle acque, per secoli fonte di ricchezza e occasione di lavoro per molti, hanno travolto con la loro furia il secolare ponte di pietra, stravolgendo completamente sia l'ambiente naturale, sia gli interventi umani delle sue rive.

Performance teatrale di Patrizia Manna presentata Sabato 4 ottobre 2003 presso il Lanificio Pria – Salita Riva 3, Biella.

autore: buildlab.com
pubblicato il : 9-9-2003
miniatura di una fotografia in bianco e nero di una veduta del Ponte Basilico, 1988 (fonte: ecomusei.net) Gli spazi del Lanificio Pria si animeranno di voci, suoni e luci grazie alla performance teatrale ideata da Patrizia Manna "La voce del ponte ... Il ponte racconta la sua storia".

AZIENDE
miniatura del logo a colori del Archivio Pria (fonte: http://www.archiviopria.it) Archivio Pria
Salita Riva 3
13900 Biella (BI)
Italia
tel. +39 015 2244 8
info@archiviopria.it
homepage
L'Archivio del Lanificio Pria di Biella, un raro gioiello d'archeologia industriale; Più di mille volumi, alcuni dei quali tesori di legatoria, con centinaia di migliaia di campioni di tessuto.

COLLEGAMENTI
Ecomusei.net


Tutto il materiale in questo sito è copyright © Franco Ponticelli E' vietata la riproduzione anche parziale. Buildlab.com e Franco Ponticelli non sono collegati ai siti recensiti e non sono responsabili del loro contenuto. Tutti i marchi e i loghi citati sono proprietà dei rispettivi proprietari.